/ Ambiente

Una certificazione per la stampa eco

Inchiostri, lastre e lettere: la stampa - per chi ama la scrittura - è uno dei processi più affascinanti al mondo. Sfortunatamente però la filiera tipografica è anche una di quelle che causano maggiori danni all'ambiente.

Come si sposa dunque la passione per la stampa con la propria coscienza ecologista? Negli ultimi anni, proprio a fronte delle richieste da parte di associazioni ambientaliste e di singoli cittadini sensibili a tematiche verdi, le tipografie hanno iniziato a inserire l'indicazione "ecologico" sulle proprie produzioni. Come è capitato nel settore alimentare con il biologico, anche la stampa eco ha fatto tendenza incentivando così un inevitabile segmento di contraffazione.

Per certificare un processo di stampa a basso impatto ambientale, pochi anni fa è nata una certificazione che, anche se ancora poco nota, si inizia a far sentire sul mercato. Si chiama EcoPrint e il suo logo - che potreste scovare su libriccini e partecipazioni di matrimonio - è un piccolo abete stampato, simile a un chiudipacco natalizio. eco-print

L'obbiettivo della certificazione, inventata tra Genova e Padova da un'iniziativa che ha coinvolto Legambiente e varie scuole di arti grafiche, controlla tutto il processo. Per essere eco la tipografia deve usare energia rinnovabile, inchiostri a base vegetale, ad acqua oppure a cera. Banditi gli inchiostri a laser e gli acidi impiegati per le lastre nella stampa offset. Infine, per superare la prova e ottenere il diploma di tipografia ecologica, gli stampati devono essere imballati in carta riciclata usando scotch di carta, mentre per il trasporto EcoPrint esige l'uso di mezzi a metano oppure elettici e delle cinghie per legare i bancali al posto della plastica.

Per ora le tipografie che in Italia rispettano queste regole sono appena dieci, ma la richiesta sta aumentando nonostante l'investimento che la riconversione richiede. Le case editrici guardano con interesse alla certificazione per dimostrare il proprio impegno nei confronti dell'ambiente e desiderano il marchio soprattutto per i libri per bambini.

Una certificazione per la stampa eco
condividi

Buonenotizie.co newsletter